Uno dei momenti più delicati nell’organizzazione del proprio matrimonio è la scelta dei fornitori. Non mi riferisco alle location , per le quali vi ho parlato qui , ma piuttosto a fotografi, fiorai, negozi di bomboniere, tipografie, auto noleggi…
C’è davvero un mondo che gira intorno il matrimonio e spesso la ricerca del fornitore giusto richiede tempo e pazienza.

Lavorando dietro le quinte mi rendo conto che se ne vedono davvero di tutti i colori, e non vi nascondo che a volte mi scontro con tanta, ma tanta, mancanza di professionalità. Spesso ricevo email con proposte di collaborazione da parte di personaggi che mi lasciano a bocca aperta, che mi presentano preventivi e listini inverosimili…e penso “oh mio Dio ma se qualcuno li scegliesse?”.
Naturalmente spesso la scelta è vincolata ad una questione di budget: la qualità si paga e su questo non vi sono dubbi. Ma è pur vero che non per forza bisogna pagare poco per un prodotto scadente. Meglio avere qualcosa in meno piuttosto che “tanto” di pessima qualità.

Ma non è solo la qualità a spaventarmi; molte volte ci si fida senza tenere conto di tanti fattori che vengono fuori solo il giorno del matrimonio. La serietà è difficile da valutare prima e per quanto abbiate conosciuto quel fornitore tramite la mamma-la zia-l’amica-l’amica dell’amica della sposa….che ve ne ha parlato benissimo…le brutte sorprese sono sempre dietro l’angolo.

Non so quali possano essere i consigli giusti per non commettere errori. Forse, per quanto mi riguarda, è importante seguire le proprie sensazioni. Ho visto spesso sposi avere dei veri e propri colpi di fulmine per un fotografo piuttosto che per un altro. O spose rimaste incantate dai lavori di un fioraio. O ancora occhi a cuoricino nei negozi di bomboniere. Insomma forse ogni tanto è bene essere meno razionali.

Diffido assolutamente dall’affidarsi all’amica truccatrice, al parente fotografo…se non sono professionisti meglio lasciar perdere credetemi.

E se invece vi siete affidati ad un Wedding Planner? In questo caso sarà lei/lui a selezionare per voi i fornitori giusti. La responsabilità insomma è tutta nostra.
E questa responsabilità spesso non viene capita: se una sposa si affida a me per l’organizzazione del suo matrimonio a 360°, beh personalmente mi occuperò del progetto come se mi stessi sposando io, con un po’ di consapevolezza in più. Ci metto il cuore, la testa, la sicurezza di anni di esperienza, la razionalità che spesso una sposa non riesce ad avere…ma ci metto anche le ansie, le preoccupazioni affinché tutto fili liscio.

La creazione di una squadra è stato il mio primo obiettivo dal giorno in cui ho scelto di fare questo lavoro. Ho incontrato tantissime persone. Ho macinato chilometri. Ho fatto errori di valutazione e di ingenuità. Spesso mi sono trovata di fronte chi predica la collaborazione e il networking da dietro un computer…e dimentica che quando trasporti il tutto nella vita reale, e devi stringere mani, affrontare critiche dirette, giustificare scelte, spiegare le tue posizioni, ridimensionare le tue aspirazioni in funzione di un progetto comune…tutto diventa più faticoso.

E così spesso, nella realtà, ognuno di noi viene fuori per quello che è.

Oggi sono felice di poter collaborare con poche persone fidate, seri professionisti, che spesso mi consigliano, mi criticano anche in maniera costruttiva. Ma che lavorano con me con un obiettivo comune: creare un evento perfetto. E sono felice di condividere queste persone con i miei sposi.

In questo periodo ci sono tante fiere sul mondo del matrimonio: sono caotiche, confusionarie e non sono certa vi aiuteranno nella scelta giusta. Non siate frettolosi insomma, prendetevi tutto il tempo per selezionare i vostri fornitori.

O al massimo…cedete solo al vero colpo di fulmine!